Processo Scazzi a rischio per un fuori onda

images.jpegIl processo per l’omicidio di Sarah Scazzi è a rischio a causa di un fuori onda registrato dalle telecamere “autorizzate a riprendere il dibattimento”. La conversazione si è svolta tra il presidente della Corte d’assise di Taranto, Rina Trunfio, e il giudice a latere Fulvia Misserini. Ecco una delle frasi ritenute compromettenti: “Bisogna un po’ vedere, no, come imposteranno … potrebbe essere mors tua vita mea”. I giudici si interrogano sulla tattica che può essere adottata dalla difesa di Cosima Serrano. Madre e figlia, insomma, potrebbero decidere di scaricarsi le colpe a vicenda. “Certo vorrei sapere, là, le due posizioni – dice il presidente Trunfio alla collega Misserini – sono collegate. Quindi bisogna vedere se si sono coordinati … coordinati tra loro e se si daranno l’uno addosso all’altro”. La giudice a latere risponde: “Ah, sicuramente”. Infine il presidente conclude: “(Non è che) negheranno in radice”. La Corte si è riservata di decidere sull’istanza avanzata dall’avv. Franco Coppi, altro difensore di Sabrina Misseri, la cui arringa difensiva (a chiusura del dibattimento e prima delle repliche) è attesa per domani. I giudici potrebbero anche rimettere la decisione alla Corte di Cassazione. I pubblici ministeri hanno chiesto l’ergastolo per Cosima Serrano e Sabrina Misseri e 9 anni per Michele Misseri.

Processo Scazzi a rischio per un fuori ondaultima modifica: 2013-03-26T09:05:36+01:00da jack7371
Reposta per primo quest’articolo